Attenzione!

Se cambi il parco attuale,
perderai l'elenco di tutti i POI aggiunti

Cambia Parco Indietro

Crea il tuo itinerario

Pianifica la visita selezionando il parco e la stagione di tuo interesse.
Scopri bellissimi luoghi da aggiungere al tuo itinerario personale.

Crea Nuovo Modifica un itinerario esistente

Crea il tuo itinerario

Pianifica la visita selezionando il parco e la stagione di tuo interesse.
Scopri bellissimi luoghi da aggiungere al tuo itinerario personale.

Per creare i tuoi itinerari ti devi loggare/registrare

Accedi

o

Registrati Lo farò dopo

Modifica un itinerario esistente

MAGGIORI INFORMAZIONI

Per aver maggiori infomazioni utilizza il form qui di seguito

Maggiori informazioni per




 Autorizzo l'utilizzo dei miei dati al fine dell'invio della newsletter




Kriss, i falò di Gniva

Parco Naturale delle Prealpi Giulie

Alcune delle tradizioni della Val Resia affondano le proprie radici in una cultura contadina antica, pagana, risalente al tempo in cui queste zone erano ancora abitate da popolazioni celtiche. Una di queste tradizioni è quella dei Kriss, i caratteristici falò di Gniva.

A cavallo tra il 23 e il 24 giugno, alla vigilia della festa di San Giovanni, nella “notte delle streghe” e del solstizio d’estate, e alla vigilia di SS.  Pietro e Paolo, festeggiati il 29 giugno, fino a non molto tempo fa si accendevano in tutta la Val Resia grandi falò, attorno ai quali i gruppi folkloristici ballavano le caratteristiche danze resiane e si consumavano piatti tipici locali, come il frico.

I fuochi venivano accesi sia nei paesi, che nelle località di alpeggio, punteggiando l’intera valle di tanti falò, uno più grande dell’altro; attorno ad essi i resiani accatastavano vecchi oggetti da buttare, per propiziarsi un nuovo inizio.

Oggi questa tradizione resta viva solamente nella frazione di Gniva, che ogni anno continua a festeggiare in questo modo San Giovanni e San Pietro e Paolo; durante le celebrazioni, non manca il lancio delle “cidule”, rotelle di legno che vengono arroventate sul fuoco e lanciate in aria.

La celebrazione si svolge generalmente il sabato sera/notte a cavallo tra le due date e in caso di maltempo si tiene il giorno successivo. Si possono richiedere più informazioni contattando il Parco, tramite il Centro Visite di Prato di Resia: tel 0433 53534

Resia

Resia

Quello di Resia è un comune sparso, costituito dalle frazioni che occupano il territorio. La Val Resia è infatti un'area piuttosto vasta attorno all'omonimo fiume che raccoglie una popolazione omogenea per lingua - il dialetto resiano e diverso da quello friulano - usi e costumi. Da vedere nella valle c'è sicuramente il Torrente Resia, che non rientra propriamente nell'area naturale protetta, tranne che per un piccolo tratto. Il fiume conserva acque limpide e pure, con piccoli bacini naturali circondati da rocce calcaree. Tra le frazioni più interessanti di questo comune diffuso per tutta la valle ci sono sicuramente Prato (per il centro parco e la Pieve), San Giorgio e Uccea (per la vicinanza col confine Sloveno).

+ crea un itinerario con questo luogo

Ti è piaciuta?

0
Condividi questa storia

Crea il tuo itinerario

Programma la tua visita al Parco naturale

© 2016 Sentieri Stagionali. Tutti i diritti riservati.