Attenzione!

Se cambi il parco attuale,
perderai l'elenco di tutti i POI aggiunti

Cambia Parco Indietro

Crea il tuo itinerario

Pianifica la visita selezionando il parco e la stagione di tuo interesse.
Scopri bellissimi luoghi da aggiungere al tuo itinerario personale.

Crea Nuovo Modifica un itinerario esistente

Crea il tuo itinerario

Pianifica la visita selezionando il parco e la stagione di tuo interesse.
Scopri bellissimi luoghi da aggiungere al tuo itinerario personale.

Per creare i tuoi itinerari ti devi loggare/registrare

Accedi

o

Registrati Lo farò dopo

Modifica un itinerario esistente

MAGGIORI INFORMAZIONI

Per aver maggiori infomazioni utilizza il form qui di seguito

Maggiori informazioni per




 Autorizzo l'utilizzo dei miei dati al fine dell'invio della newsletter




Elenco itinerari

Un tuffo sotto la cascata

La cascata è una delle mete favorite dagli appassionati di trekking che visitano Galati Mamertino.  Si trova a 928 metri s.l.m. nella frazione di San Basilio, che prende il nome dal torrente omonimo; questo, scavando la roccia, ha creato una gola con un dislivello di 30 metri.

 

Si parte proprio dal paese di Galati, di fronte agli impianti sportivi – via A. Moro; si può parcheggiare qui. La Cascata del Catafurco, presso cui è visibile anche una statuetta della madonna, è raggiungibile a piedi in circa 3 ore da contrada san Basilio e in 6 ore da Portella Addrichi.

Il percorso si snoda in gran parte lungo una strada sterrata lungo il versante orientale del torrente, passando per il crinale di Portella Addrichi, molto panoramico, per poi scendere nell’ultima parte verso l’alveo, dapprima su strada, poi lungo uno spettacolare sentiero, sovrastato da pareti a strapiombo. Qui l’acqua è presente praticamente tutto l’anno e l’incessante azione di modellamento ha formato interessanti forme carsiche e di erosione, tra cui la “Marmitta dei giganti”, dove è possibile anche fare il bagno durante la bella stagione. Sono inoltre da osservare le spettacolari pareti verticali della gola scavata dal Torrente San Basilio, che costituiscono delle “scarpate di faglia”, nei cui anfratti nidificano anche alcuni rapaci.

Si consiglia, al ritorno, per ridurre distanza e dislivello, di percorrere la strada che porta al villaggio Molisa per ricongiugersi alla Via Aldo Moro e rientrare alle auto.

Si consiglia abbigliamento per il trekking stagionale. Poiché non vi sono punti di ristoro, è suggerito il pranzo al sacco.

Il percorso, lungo 12 km, è suggerito a chiunque sia in buona forma fisica.  L’associazione La Stretta organizza delle escursioni su prenotazione.  Per le escursioni guidate, Associazione Naturalistica “La Stretta” – Longi 328/6498095 info@lastretta.it (www.lastretta.it).

 

 

 

6 h Ore
16 km Distanza
250 m Mt. Max
Tipologia a piedi
  • Partenza

    Cascata del Catafurco

    Aree naturali
  • Galati Mamertino

    Comuni del parco
  • Marmitta dei giganti

    Aree naturali
0
© 2016 Sentieri Stagionali. Tutti i diritti riservati.